Primi Piatti

Ravioli con le ortiche

Ravioli, erbette, pasta fresca fatta in casa

L’anno scolastico sta per terminare e tutti in famiglia iniziamo a sentire la stanchezza di un intero anno alle spalle.

Sarà che finalmente le tanto sospirate vacanze si stanno per avvicinare, ma la mattina per mettermi in moto ci vuole veramente una gru che mi butti giù dal letto. La voglia di sole e di mare rendono queste giornate piovose ancora più pesanti.

Ma finalmente siamo arrivati al venerdì e due giorni di meritato riposo sono assolutamente necessari, riusciamo a trovare un po di tempo anche per tutto quello che abbiamo lasciato in sospeso durante la settimana.

Ed infatti proprio una di queste domeniche a casa dei miei genitori ho messo in moto mio padre per la raccolta dell’ortica. Sono onesta, non l’ho raccolta io!!! L’addetto è sempre lui, mio padre che sistematicamente non crede mai nella riuscita dei miei piatti…e invece anche questa volta si è dovuto ricredere perché i ravioli con l’ortica sono buonissimi.

Inoltre dovremmo imparare a mangiare di più la verdura selvatica ricchissima di sostanze preziose per la nostra salute. Ad esempio l’ortica è un ottimo rimineralizzante depurativo diuretico, è ricca di vitamia A, C e K e con un sacco di minerali preziosi per il nostro organismo. Per chi fosse un po più curioso metto il link  del sito cure naturali dove potete trovare un sacco di informazioni carine e curiosità  sull’ortica.

 

Ravioli, erbette, pasta fresca fatta in casa

Ingredienti per 6 persone:

 

Per i ravioli:

600 gr di farina tipo 2

6 uova fresche

 

Ripieno:

1kg di ricotta di pecora freschissima

600 di ortica di campo

q.b. noce moscata

q.b. parmigiano

q.b. sale marino integrale

 

Condimento:

1 mazzo di asparagi di bosco

una manciata abbondante di fave freschissime

1 spicchio di aglio

q.b. olio extravergine di oliva

q.b. sale marino integrale

pecorino stagionato q.b.

Ravioli ortica

Preparazione:

Per la preparazione della pasta fresca trovate il procedimento nel post dedicato alla preparazione della pasta all’uovo.

Nel frattempo con l’uso dei guanti per non irritarvi pulite l’ortica prendendo se possibile le foglie più giovani e tenere, lavatele abbondantemente sotto l’acqua corrente e mettetele a lessare in acqua bollente salata per qualche minuto. Scolatele, raffreddatele sotto l’acqua corrente fredda e mettetele a scolare in un colapasta. Strizzatele bene battetele finemente al coltello e aggiungetevi la ricotta anch’essa scolata, una manciata di parmigiano il sale e la noce moscata. Comonetei ravioli come descritto nella preparazione dei Tortelli di Patate.

Non ho messo l’uovo all’interno perché comunque se non fuoriesce dal raviolo non c’è la necessità di tenerlo insieme in modo consistente ed in questo modo ho alleggerito la ricetta.

Condimento:

Pulite gli asparagi e fateli scottare qualche minuto in acqua bollente ( è una pratica che con gli asparagi faccio sempre), dopodiché saltateli in una padella con un filo di olio e uno spicchio di aglio, aggiungete le fave sgusciate (a quelle più grosse ho tolto la parte più esterna), aggiustate di sale e spegnete la fiamma. Saltate i ravioli lessati nella padella aggiungendo se necessario un mestolo di acqua di cottura della pasta.

Servite con del pecorino grattugiato.

N.B. Se utilizzate subito i ravioli fateli bollire per qualche minuto e assicuratevi che la pasta sia cotta e saltateli immediatamente nella padella. Se li usate dopo qualche ora potete scottarli in acqua bollente e metterli stesi in una pirofila appena unta di olio, copriteli fino al momento dell’ uso oppure potete congelarli subito, tirarli fuori circa 30 minuti prima e lessarli al momento dell’uso.

 

 

ravioli ortica

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Cucchiaio e pentolone:  Cuciniamo con le foglie.

 

banner foglie

 

You Might Also Like

12 Comments

  • Reply
    Roberta
    24 maggio 2013 at 9:14

    Emanuela, ti giuro, con me sfondi una porta aperta! Adoro andare per campi, imparare a riconoscere le erbe selvatiche e poi provarle in cucina, trovo sia una soddisfazione immensa raccogliere quello che poi mangiamo, ma è anche un modo per scoprire nuovi sapori, per dare spazio alla creatività e per mantenere in vita un patrimonio di conoscenze inestimabili! Quindi 10 e lode a te e ai tuoi ravioli!
    Un abbraccio, buon we!!!

  • Reply
    EdenStyle - Ricette, Dolci e Decorazioni
    24 maggio 2013 at 9:30

    Ricetta fantastica e senza dubbio da provare, l’unico problema per me è trovare le ortiche qui a Madrid! Confermo che fanno molto bene, da piccola sono stata malata per qualche anno e mi facevano bere spesso i decotti di ortica per depurare l’organismo. 🙂

  • Reply
    Paola
    24 maggio 2013 at 12:01

    Le ortiche mi affascinano in cucina, ma in città non è semplice trovarle…dovrei fare un salto in montagna, dove abbondano e poi cucinarle al ritorno dalla gita

  • Reply
    Giovanni, Peccato di Gola
    24 maggio 2013 at 12:52

    bellissimi e chissà che buoni *.* bravissima cara! sempre impeccabile!

  • Reply
    Berry
    24 maggio 2013 at 14:37

    Manuuu quanto vorrei assaggiare i tuoi tortelli, come li amo! E poi con l’ortica…si si si…anche mio babbo a volte la coglie e la cucina, ma come altre erbe spontanee, noi toscani siamo rustici 🙂
    Un abbraccio e buon fine settimana…dai che manca poco alle ferie!

  • Reply
    conunpocodizucchero.it
    24 maggio 2013 at 17:06

    emanuela hai proprio ragione! dovremmo imparare a mangiare più erbe e ridare loro un tono! credo che questa raccolta di ricette a cui partecipi sia uno strumento molto utile a qst fine!
    E che delizia i tuoi ravioloni!!!
    ps: la stanchezza si sente anche qui… 🙁

  • Reply
    Le Ricette di Tina
    24 maggio 2013 at 21:15

    che squisitezza brava tesoroo

  • Reply
    marisa
    24 maggio 2013 at 22:12

    Hai ragione…inizia a pesare tutto. La mattina vorrei dormire di più. L’ortica mai mangiata 🙂 Sono curiosa…ci provo 🙂

  • Reply
    dauly
    25 maggio 2013 at 12:44

    mi piace, è una vita che vorrei cucinare le ortiche ma non ne ho mai trovate e i campi qui dove li trovo?
    mi piace anche che anche tu non metti l’uovo nella farcia, penso anche io che nella maggior parte dei casi non sia necessario!
    grazie per la ricetta!

  • Reply
    simona
    25 maggio 2013 at 16:06

    Ema cara come stai? è un pò che non ci sentiamo.. io sono rientrata l’altro ieri sera a Roma dopo una settimana a Napoli per il matrimonio di mia sorella… insomma una giusta causa che mi ha tenuta lontana dal blog… per quanto sia stato bellissimo e ho già tanta nostalgia mi siete mancate :*
    Purtroppo vivendo in città la raccolta di erbe spontanee e o selvatiche è solo un bel sogno… poco realizzabile nel quotidiano.. spero un giorno di recuperare il tempo perso.. magari iniziando proprio da questi fantastici ravioli… squisiti:*

  • Reply
    Vaty
    26 maggio 2013 at 8:12

    Concordo pienamente sulla verdure selvatiche! A me piacciono molto e in Thailandia si mangia di tutto!
    Ottimi questi tuoi ravioli cara. Certo da queste parti le verdure così sono una rarità ma capita che letroviamo dai piccoli fruttivendoli che le propongono fresche di raccolta!ps io sono fissata con le ortiche.. Perché sono drenanti 😉 mi piace questa raccolta di ricette così sane!
    Un bacio manu! Sono poco presente causa gg su fuoco, quando passo, lo sai che poi un saluto qui da te e’ d’obbligo:-)

  • Reply
    Semplicemente Cucinando
    26 maggio 2013 at 16:30

    Invidio da mattii la tua possibilità di mangiare l’ortica!!!! Nonostante vada sempre dai contadini al mercato non l’ho mai trovata!

    Un bacio

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Calamaro ripieno di Tabouleh alla greca