Browsing Category

Primi Piatti

Primi Piatti

Gnocchi alla romana

gnocchi di semolino, ricette tradizionali, primi piatti, gluten free, primi al forno

Gli gnocchi alla romana sono un piatto tipico della tradizione romana.

Generalmente vengono preparati proprio il giovedi e si differenziano dai normali gnocchi di patate perchè in questa preparazione viene utilizzato il semolino e vengono cotti in forno.

Sono ideali per una cena perché potete prepararli in anticipo e cuocerli sono al momento di andare a tavola.

Io li ho preparati nel modo classico, cioè gratinati al forno con una spolverata di pecorino, ma potete arricchirli di gusto utilizzandi il condimento che preferite.

E’ una ricetta povera ma indubbiamente buonissima e vi consiglio di provarli almeno una volta ne rimarrete incantati.

 

gnocchi, ricette facili, gratinati in forno, primi al forno, ricette romane, ricette veloci,

 

ricette tipiche, cena tra amici, ricami di pastafrolla, primi al forno,

Ingredienti per 6 persone:

250 g di semolino

1 l di latte

20 g di burro

2 tuorli

40 g di pecorino romano

noce moscata q.b.

sale integrale q.b.

Condimento:

olio extravergine di oliva q.b.

1 mazzetto di salvia fresca

40 g parmigiano reggiano

Preparazione:

Scaldate il latte in una casseruola capiente, quando raggiunge il bollore versate il semolino a filo e continuate a girare con una frusta per qualche minuto fino a che il composto si addensa.

Togliete il recipiente dal fuoco e aggiugete i tuorli continuando a girare per evitare che si formino grumi.

Unite il burro e il sale il pecorino e la noce moscata.

Versate il composto in una teglia bassa e larga rivestita di carta forno.

Livellatelo all’altezza di circa 1/2 cm aiutandovi con il dorso di un cucchiaio bagnato per evitare che si attacchi al composto.

Tagliate gli gnocchi con un coppa pasta o con una tagliabiscotti della forma che preferite.

In un recipiente scaldate l’olio un pizzico di sale ed il rametto di salvia.

Ungete una pirofila da forno, adagiate sopra gli gnocchi lievemente sovrapposti e pennellateli di nuovo con l’olio caldo.

Cospargeteli di pecorino e infornate a 180° per circa 30 minuti.

Gli gno cchi sono preonti quando la superficie risulta dorata e croccante.

 

gnocchi del giovedì, ricette romane, ricette tradizionali, gnocchi di semolino, parmigiano, ricette gratinate in forno

 

Primi Piatti

Lasagne con spinaci e salmone

lasagne al forno, ricami di pastafrolla

Le lasagne con spinaci e salmone sono la versione estiva delle classiche lasagne al forno.

Abbandoniamo  per un periodo il ragù di carne, e diamo spazio a ingredienti più freschi e leggeri  senza però rinunciare alla mordida e succulenta consistenza della più classica lasagna.

La ricetta perfetta per i pranzi della Domenica ma anhe per la gita fuori porta, e una cena informale con gli amici.

lasagne, salmone, spinaci, fatto in casa, primo piatto, piatti al forno,

Di seguito trovate la ricetta delle mie lassagne primaverili, che potete trovare anche nella nostra rivista on line IFoodstyle numero 3 insieme a tantissime altre squisite proposte di primavera.

Se ancora non avete avuto il piacere di sfogliarla correte leggerla.

 

pic nic, ricami di pastafrolla, pasta fatta in casa, amici,

Pasta fresca:

3 uova

300 g di farina tipo 1

2 cucchiai di acqua

 

Besciamella:

1 l ml di latte

100 g di burro

100 g di farina

Sale q.b.

Noce moscata q.b.

 

Condimento:

200 g di salmone affumicato

300 g di spinaci già lessate

200 g di robiola

 

Preparazione:

Per la pasta fresca, con la farina formate una fontana, rompete dentro e uova e iniziate ad incorporare la farina.

Quando non sarà più possibile lavorare il composto con la forchetta iniziate ad impastare a mano.

Nel caso in cui la pasta risulti troppo dura aggiungete due cucchiai di acqua e continuate a lavorare la pasta per qualche minuto.

Deve risultare liscia ed omogenea.

Ungetela con dell’olio e copritela con una terrina.

Lasciate risposare almeno mezz’ora.

Intanto preparate la besciamella facendo sciogliere il burro in una casseruola.

Aggiungete la farina e girate bene con una frusta.

Quando il composto ha assunto un colore marroncino aggiungete il latte, il sale  e la noce moscata.

Continuate a mescolare fino a che non si addensa e raggiunge il bollore.

Scaldate una padella con olio e uno spicchio di aglio, saltate le spinaci per qualche minuto, salate e tenete da parte.

Stendete la pasta fresca con il mattarello in una sfoglia sottile e tagliatela a strisce di circa 10 cm di altezza e la larghezza della vostra teglia.

Adagiate sulla teglia due cucchiai di besciamella, quindi depositate sopra uno strato di pasta fresca.

Coprite con della besciamella, ciuffetti di spinaci e pezzetti di salmone e robiola.

Ripetete il passaggio per altre 4 volte e terminate con lo strato di condimento.

Infornate a 180° per 30 minuti circa.

primi piatti, ricetta facile, ricetta lasagne

 

Primi Piatti

Tagliatelle verdi con carciofi e gamberetti

molino quaglia, ricami di pastafrolla, pasta fresca

La pasta fresca fatta in casa è uno dei mie comfort food preferiti.

Non solo mia piace tantissimo mangiarla ma adoro anche prepararla.

Questa versione è un pò diversa dal solito ma pur sempre facile e buonissima. abbiamo voluto dargli una vaste nuova e colorata (siamo o non siamo sotto carnevale?), aggiungendo le spinaci all’impasto base e creare così la tagliatelle verdi.

Ho preparato questa pasta utilizzando la farina Petra 5 di Molino Quaglia, proprio perché ideale per la preparazione della pasta fresca.

La farina Petra 5 è una farina macinata a pietra, tipo 1, quindi adattissima ad assorbire meglio il condimento e proprio perché ideale per queste preparazioni potete stare certi che la vostra pasta si tirerà benissimo senza che avvenga il famoso effetto yo yo e la pasta non si ritirerà sotto i vostri colpi di mattarello.

tagliatelle, pasta fatta in casa, spinaci, primi, pesce, carciofi, cena

Ingredienti:

Pasta fresca per 2-3 persone:
2 uova
50 g di spinaci lessati
200 g di farina Molino Quaglia “Petra 5”
Condimento:
2 carciofi
100 g di gamberetti
1 spicchio di aglio
1/2 bicchiere di vino bianco secco
olio extravergine di oliva q.b.
sale integrale q.b.

Preparazione:

Per la preparazione della pasta fresca, dovete prima di tutto frullare le spinaci con il minipimer, quindi strizzatele molto bene facendole scolare in un colino a maglie fini.
In una spianatoia distribuite la farina a fontana, aggiungete le spinaci e le uova.
Iniziate a lavorare il composto con una forchetta e quando inizia a diventare troppo consistente continuate con le mani.
La pasta deve risultare morbida e omogenea ma non appiccicosa, nel caso sia necessario potete aggiungere qualche pizzico di farina.
lavoratela bene per qualche minuto, quindi lasciatela riposare coperta con una terrina per evitare che si formai la crosta.
Nel frattempo preparate il condimento, pulite e tagliate a spicchi sottili i carciofi e teneteli a bagno in acqua e limone.
In una padella scaldate dell’olio con uno spicchio di aglio, aggiungete i carciofi il sale e cuocete a fuoco lento per 10 minuti.
In una padella più piccola scaldate due cucchiai di olio aggiungete i gamberetti e saltateli per due minuti, salate e sfumate con il vino, a questo punto potete aggiungerli ai carciofi e spegnere la fiamma.
Riprendete la pasta, spolverate con la farina e tiratela con il mattarello o per chi l’avesse con la sfogliatrice.
la pasta deve risultare sottile e facile da lavorare.
Lasciate riposare per altri 30 minuti circa.
Ripiegate la pasta su se stessa quindi tagliatela all’altezza di circa 1 cm.
Versate le tagliatelle in acqua bollente salate scolate non appena vengono a galla.
saltatele in padella con il condimento e due o tre cucchiai di acqua di cottura, servite con una spolverata di pepe nero macinato al momento.

 

 

homemade, ricami di pastafrolla, pasta fresca

 

fettuccine, ricette primi piatti, ricette cena, amici,

SUGGERIMENTI:

E’ necessario che la facciate riposare bene la pasta sia prima di tirarla sia dopo averla tirata e prima di tagliarla.

Prima di tirare la pasta assicuratevi sempre di aver pulito benissimo la spianatoia, eventualmente aiutatevi con un tarocco affinché la superfici risulti perfettamente liscia.

Le tagliatelle verdi risulteranno sempre più umide rispetto alle tradizionali, quindi per tirarle non preoccupatevi se dovete spolverare più volte la spianatoia e il mattarello, la pasta non si indurirà.

 

tagliatelle, tirate a mano, cucina italiana, italian recipe,

 

Primi Piatti/ Salse e sughi

Ragù di carne

ricami di pastafrolla, ragù di carne, tradizione, italian recipe

Il ragù di carne è una delle ricette tradizionali italiane e non possiamo non avere nel nostro quaderno delle ricette fondamentali.

So che ha una preparazione lunga ed elaborata ma per quel singolo giorno all’anno che abbiamo decidiamo di prepararlo dobbiamo farlo nel migliore dei modi.

Questa versione è quella che si prepara in casa mia fin da quando ero piccola, perciò la ricetta deriva dagli insegnamenti della nonna prima e della mamma adesso.

Per uan buona riuscita del ragù è indispensabile avere carne di primissima qualità, un vino rosso corposo e profumato e una saporita salsa di pomodoro.

 

 

sugo, condimento pasta, ragù, ragù rosso,

Ragù di carne
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
 
Ingredienti
  • 600 g di carne macinata di vitella
  • 200 g di carne macinata di maiale
  • 1 l di passata di pomodoro
  • ½ bicchiere di vino rosso
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 rametto di rosmarino
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale marino integrale grosso q.b.
  • pepe q.b.
Preparazione
  1. Preparate un battuto con carota sedano e cipolla.
  2. In una capiente casseruola mettete il battuto, abbondante olio e il rametto di rosmarino.
  3. Fate cuocere a fiamma bassa per 5 o 6 minuti, quindi aggiungete la carne macinata.
  4. Rosolate bene a fiamma vivace per circa 25 ,minuti.
  5. Sfumate con il vino rosso e continuate a cuocere per altri 45 minuti a fuoco basso.
  6. Salate pepate e aggiungete la salsa di pomodoro.
  7. Lasciate cuocere a fuoco molto lento per circa 1 ora e 30 minuti.
  8. Assaggiate e eventualmente aggiustate di sale.

 

 

primi piatti, sugo di carne,

E dopo tanta fatica con cosa pensate di servirlo questo buonissimo ragù?

Ovviamente le possibilità sono infinite, però io vi lascio i miei suggerimenti:

Gnudi al forno

Pici (preparati da voi)

Pasta fresca fatta in casa

Ravioli alle ortiche

Gnocchi di patate

ricami di pastafrolla, tomato souces,

Siccome la preparazione del ragù è veramente lunga io vi consiglio di prepararne in di più e poi conservarlo nei barattoli di vetro sterilizzati proprio come la marmellata, oppure mettendoli in congelatore.

Primi Piatti/ Salse e sughi

Ragù bianco di Chianina

Il Ragù bianco di Chianina è una ricetta della tradizione che amo moltissimo.

In generale sono una grande amante dei sughi in bianco e questo ha decisamente il posto d’onore.

Non posso non dire di avere una reverenza nei confronti di questo animale, maestoso, bellissimo e si, qualitativamente eccelso dal punto di vista alimentare.

Poco ma buono è il mio motto e se decido di preparare il “sugo della Domenica” devo farlo con ingredienti di prima qualità, perchè solo così potrete assaporare tutta la bontà di questo famossissimo piatto.

Sotto trovate tutte le indicazioni, e vi assicuro che non è difficile come si pensa, basta solo un pò di pazineza.

Non mi resta che augurarvi Buon Appetito!!!

ragù, sugo di carne, chianina

 

5.0 from 1 reviews
Ragù bianco di Chianina
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
 
Ingredienti
  • 800 g di macinato di carne Chianina
  • 1 cipolla rossa
  • 2 coste di sedano
  • 2 carote
  • ½ bicchiare di vino bianco secco
  • 1 l di brodo vegetale
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale marino integrale q.b.
  • 1 rametto di rosmarino
  • pepe nero q.b.
Preparazione
  1. Preparate un battuto di carota sedano e cipolla.
  2. In una casseruola capiente mettete abbondante olio, aggiugete il battuto e il rametto di rosmarino.
  3. Fate rosolare bene le verdure senza bruciarle, quando saranno ben cotte aggiungete la carne macinata.
  4. A fuoco vivo fate rosolare bene la carne, ( ci vorranno almeno 15 minuti) quindi sfumatela con il vino bianco.
  5. Lasciate evaporare per qualche minuto, e aggiungete il brodo vegetale.
  6. Salate, pepate e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 1 ora e 20 minuti.
  7. Scolate i pici al dente e saltateli nella padella con il vostro sugo di chianina.

 

 

 

 

ricami di pastafrolla, ragu fatto in casa, ragù di carne,

 

Primi Piatti

Risotto alle zucchine e fiori di zucca

Risotto zucchine e formaggio cremoso-5L’estate non è ancora finita e gli orti ci danno ancora tante prelibatezze da utilizzare per tante squisite ricette.

Peccato che spesso ci troviamo davanti a bellissimi ingredienti e non sappiamo come utilizzarli.

E si, capita anche a noi blogger!!

Non perdiamoci d’animo però, perché girovagando nel web possiamo
trovare tantissime idee interessanti e consigli su come cucinare dai quali prendere spunto.

E proprio così nasce il mio risotto con crema di zucchine, formaggio
fresco e fiori fritti.

Non potevo sprecare dei fiori dizucca e così buoni e si sa che danno il loro meglio quando sono fritti.

 

Ovviamente sapevo già quali erano gli ingredienti che volevo utilizzare ma mi piaceva l’idea di qualcosa di diverso dal semplice risotto alle zucchine.

Così prendendo spunto dalla pagina ricca di idee di Galbani ho deciso di mantecare il risotto non con il burro ma con un formaggio cremoso e così nasce il mio risotto con crema di zucchine, formaggio fresco e fiori fritti.

risotto zucchine, primi piatti, ricette riso, carnaroli,

Ingredienti per 4 persone:

320 g di riso carnaroli
1 1/2 litro di brodo vegetale
4 zucchine medie
12 fiori di zucca
50 g di formaggio cremoso
100 g di farina
olio di arachidii q.b.
1 spicchio di aglio
1/2 scalogno
olio extravergine di oliva q.b.
1/2 bicchiere di vino bianco
sale marino integrale q.b.

 

Preparazione:

Lavate asciugate e tagliate a dadini le zucchine.
In una padella mettete tre cucchiai di olio e uno spicchio di aglio.
Fate dorare e aggiungete le zucchine.
Salate e cuocete per circa 10 minuti, fino a che non si sono ammorbidite.
A questo punto buttate l’aglio e riducetele a crema con il minipimer.
Scaldate il brodo vegetale precedentemente preparato con sedano carota e cipolla.
In una casseruola mettete olio e lo scalogno tagliato sottile.
Appena sarà dorato aggiungete il riso e lasciatelo tostare per almeno due o tre minuti.
Sfumatelo con il vino, quindi aggiungete due mestoli di brodo, girate e lasciate cuocere continuando ad aggiungere brodo ogni volta che si sarà asciugato.
Nel frattempo scaldate una padella con abbondante olio di arachidi e friggete i fiori di zucca passati in una pastella di acqua e farina.
Qualche minuto prima di togliere il riso aggiungete la crema di zucchine, aggiustate di sale e terminate la cottura.
Togliete il riso dal fuoco e aggiungete il formaggio cremoso.
Servite nei piatti insieme a tre fiori di zucca fritti con una leggera pastella.

 

 

Risotto zucchine e formaggio cremoso-2

 

Primi Piatti

Spaghetti di riso con verdure e gamberetti

Gli spaghetti di riso con verdure e gamberetti sono un classico della cucina orientale.

Non sono brava  con la cucina asiatica, ma questa volta li ho preparati con il sorriso sulle labbra dopo aver visto la gioia  dei miei figli quando ci siamo avventurati in un ristorante thailandese.

Inebriati da quei profumi  non vedevano l’ora di assaggiare quegli spaghetti lunghissimi e sottili da mangiare con quelle meravigliose bacchettine.

La ricetta ha avuto successo anche con i più piccoli, perciò non mi resta che augurarvi buon appetito!

 

thai food, spaghetti di riso, gamberi, salsa di soia

Spaghetti di riso con verdure e gamberetti
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
 
Ingredienti
  • 500 g di spaghetti di riso
  • 300 g di code di gamberi
  • 2 zucchine medie
  • 2 carote medie
  • 50 g di fagiolini lessati
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 scalogno
  • 50 g di mandorle tostate
  • 20-25 ml di salsa di soia
  • olio di arachidi q.b
  • sale marino integrale q.b.
Preparazione
  1. Pulite e asciugate le carote e le zucchine.
  2. Grattatele nel senso della lunghezza e tenetele da parte.
  3. Mettete il wok a scaldare, aggiungete 4 o 5 cucchiai di olio di arachide, e soffriggete uno spicchio di aglio e uno scalogno tagliati sottili.
  4. Dopo qualche minuto aggiungete le carote e le zucchine e saltatele a fiamma vivace per qualche minuto.
  5. Unite i fagiolini già lessati e tagliati.
  6. Aggiungete quindi i gamberi sbucciati e puliti, le mandorle, unite la salsa di soia (5 o 6 cucchiai), e aggiustate di sale.
  7. Nel frattempo portate ad ebollizione una pentola con abbondante acqua.
  8. Quando raggiunge il bollore spegnetela e unite gli spaghetti di riso.
  9. Lasciateti ammorbidire per almeno 4 minuti.
  10. Scolateli e versateli nella padella.
  11. Saltateli aggiungendo un filo di olio se necessario.
  12. A questo punto versate la salsa di soia nel bordo del wok, così da far sprigionare tutto l'aroma, amalgamate bene i sapori e servite subito.

 

ricetta gluteen free, spaghetti di riso e verdure, salsa di soia

 

ricetta fusion, ricami di patafrolla

Primi Piatti

Penne alle melanzane grigliate feta e olive

pasta, pasta verdure, pasta melanzane, ricette melanzane

Le penne con melanzane grigliate olive e feta sono un primo piatto freddo e una ricetta veloce che si può preparare anche all’ultimo minuto.

E’ la proposta ideale per una cena in terrazza, un pranzo veloce in ufficio o un rilassante pic-nic.

Se volete è anche una ricetta svuota frigo e in realtà potete prepararla come più preferite.

Chi di noi non ha due fettine di melanzane grigliate nel frigo?  E quel barattolino di olive mezzo vuoto, cosa ne facciamo?

Insomma, la vostra fantasia non può che arricchire di gusto la nostra fresca insalata di pasta.

 

 

 

primi piatti verdure, melanzane, vegetariano,

 

5.0 from 1 reviews
Penne alle melanzane grigliate
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
 
Ingredienti
  • 320 g di penne
  • 1 melanzana viola
  • 100 g di olive taggiasche
  • 100 g di feta
  • 1 spicchio di limone
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • olio extravergine di oliva
  • sale q.b.
Preparazione
  1. Scaldate una padella antiadrente e grigliate le melanzane tagliate a fette.
  2. Tagliatele a dadini, e mettetele in una una ciotola capiente.
  3. Aggiungete le olive taggiasche e un battuto di prezzemolo e aglio.
  4. Condite con sale olio e il succo di uno spicchio di limone.
  5. Lessate la pasta e dopo averla scolata passatela sotto l'acqua fredda.
  6. Aggiungetela pasta al sugo di melanzane, quindi unite la feta sbriciolata.
  7. Lasciatela riposare in frigorifero e servitela quando si sarà raffreddata.

 

 

penne alle melanzane-3

 

Primi Piatti

Penne Dolcevita con porri fave e pecorino

Fave e pecorino è il mio piatto irrinunciabile della primavera.

Questi deliziosi baccelli si possono gustare solo per un breve periodo dell’anno perciò cerco di farne scorta anche per quando non ci saranno più.

Il nostro piatto quello tipico consiste in una fetta di pane con l’olio, fave fresche sbucciate al momento e una fetta di pecorino ad accompagnare il tutto.

Oggi però ho voluto cambiare e l’indissolubile connubio di fave e pecorino l’ho aggiunto alla pasta.

In verità è una pasta particolare, perché oltre ad essere buonissima da mangiare, è una pasta buona per la salute.

Con un basso indice glicemico e l’aggiunta del Chitosano è ideale anche a tenere sotto controllo i grassi del sangue.

primi piattii, fave pecorino, ricette veloci, ricette light

 

Non ci credete?

Eppure è vero, è la pasta Dolcevita, se siete curiosi andate a dare un’occhiata al loro sito. E se dopo avete voglia di provare la mia ricetta, dovete venire in Ifood insieme a me e cercare  Penne Dolcevita con porri fave e pecorino.

A me non resta che auguravi buon appetito e buon week end!

 

ricette pasta dolcevita, ricetta vegetariana, tradizione,

 

ricami di pastafrolla, ricetta penne dolcevita, primi piatti veloci, con verdure

 

Primi Piatti

Gnudi toscani gratinati in forno

gnudi, gnudi alla fiorentina, gnudi toscani, gnudi al pomodoro, primi piatti, vegetariano, ricami di pastafrolla

Vi avevo promesso la seconda ricetta degli gnudi toscani.

E come ogni promessa che si rispetti deve essere mantenuta.

La versione classica, preparata con gli spinacice condita con olio e salvia potete trovarla qui, ma siccoma adoro questa ricetta oggi ve ne dò un’altra versione.

Questa volta gli Gnudi sono stati gratinati in forno con della salsa di pomodoro e tanta mozzarella filante.

Con questa ricetta potete preparare il vostro piatto in anticipo e cuocerlo solo al momento di servirlo.

Nell’impasto questa volta non ho utilizzato le spinaci ma le erbette di campo e le bietoline.

A voi la scelta a seconda dei vostri gusti e della stagione.

Gnudi fiorentini gratinati

5.0 from 1 reviews
Gnudi toscani gratinati in forno
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
Persone: 6
 
Ingredienti
  • 500 g di ricotta di pecora
  • 250 g di bietoline lessate
  • 250 di erbette di campo lessate
  • 100 g di farina tipo 1
  • 2 uova
  • 80 g di parmigiano grattugiato
  • sale marino integrale q.b.
  • noce moscata q.b.
  • pepe qb.
  • ½ l salsa di pomodoro
  • 400 g di mozzarella fior di latte
Preparazione
  1. Prendete le bietoline e le erbette di campo strizzatele e battetele al coltello molto bene.
  2. Una volta raffreddate aggiungete la ricotta 100 g di farina le uova e il parmigiano grattugiato, salate, pepate e grattate la noce moscata.
  3. Amalgamate bene il composto con una forchetta.
  4. Con l'aiuto di due cucchiai preparate delle palline abbastanza grandi, quindi rotolatele nella farina e gettatele in acqua bollente salata.
  5. Lasciate cuocere gli gnudi fino a che non vengono a galla, quindi continuate la cottura per altri 30 - 40 secondi.
  6. Prelevateli con la schiumarola e adagiataeli su in vassoio.
  7. In una padella capiente scaldate l'olio e fate cuocere il pomodoro per pochi minuti.
  8. Adagiatene una parte nella pirofila da forno e aggiungete gli gnudi lessati.
  9. Coprite con il restante pomodoro e sminuzaate sopra la mozzarella
  10. Gratinate gli gnudi in forno a 180° per circa 20 minuti.
  11. Controllata che la mozzarella sia ben sciolta e abbaia formato una crosticina dorata.

 

 

gnudi toscani, gnudi al forno, gnudi mozzarella e pomodoro

 

 

gnudi in forno, primi al forno, primi gratinati

Primi Piatti

Spaghetti con peperoni e zafferano

Quante volte avete avuto voglia di un piatto di spaghetti che dopo averlo mangiato non vi facesse sentire in colpa?

Bè, noi italiani con la pasta abbiamo un rapporto speciale e difficilmente riusiamo  a farne a meno.

Da oggi sappiate che alla bontà della pasta potrete abbinarvi le favolose qualità del Chitosano, ideali per mantenere sotto controllo sia gli sbalzi glicemici che il colesterolo.

Questa pasta deliziosa è prodotta da Dolcevita perciò se siete curiosi e avete voglia di saperne di più andate a fargli visita e rimarrete piacevolmente colpiti.

 

pasta dolcevita, ricette vegana, primi piatti light

Se invece avete voglia di provare la mia ricetta  non dovete far altro che andare su IFood e cercare Spaghetti Dolcevita con peperoni e zafferano dove troverete la ricetta completa di dosi e passaggi.

Ovviamente tenendo conto delle qualità della pasta abbiamo utilizzato tutti ingredienti che pur essendo ricchi di gusto non appesantiscono, ma al contrario sono ricchi di sali minerali, vitamine e grassi buoni.

 

ricette facili, carboidrati buoni, pasta peperoni,

Vi aspettiamo su Ifood, buon appetito!!

 

ifood, ricette ifood, primi piatti vegetariani, zafferano

Primi Piatti

Gnudi toscani

ricette della tradizione, primi vegetariani, tuscan recipe, ricami di pastafrolla, primi piatti,

 

Gli Gnudi Toscani o Gnudi fiorentini, quasi come tutte le ricette toscane sono una ricetta di riciclo.

Il nome stesso “Gnudi” appunto ci ricorda che aimé, non c’erano le uova per tirare la pasta.

Sempre detto che le migliori ricette sono quelle che vengono fuori quando siamo ai ferri corti.

Si perchè in realtà io questa ricetta l’adoro.

Ovviamente avrete capito che gli Gnudi non sono altro che il ripieno dei ravioli ricotta e spinaci ma senza il  loro bel vestito.

Noi abbiamo comunque cercato di renderli belli perchè ad essere buoni già ci pensano loro.

gnudi alla fiorentina, ricette toscane, ricamidipastafrolla

5.0 from 1 reviews
Gnudi toscani
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
Persone: 1h 10m
 
Ingredienti
  • 500 gdi spinaci lessati
  • 500 g di ricotta di pecora
  • 100 g di farina tipo 1+ altri 50g
  • 2 uova
  • 50 g di parmigiano reggiano
  • noce moscata q.b.
  • sale marino integrale q.b.
  • 1 grattata di pepe
  • 50 ml di olio extravergine di oliva
  • 1 ciuffo di salvia
Preparazione
  1. Lessate gli spinaci, strizzateli benissimo, quindi batteteli al coltello molto bene.
  2. Quando saranno freddi aggiungete la ricotta 100 g di farina le uova e il parmigiano grattugiato.
  3. Qundi salate, pepate e grattate la noce moscata.
  4. Amalgamate bene il composto con una forchetta.
  5. Con l'aiuto di due cucchiai preparate delle palline abbastanza grandi, quindi rotolatele nella farina e gettatele in acqua bollente salata.
  6. Lasciate cuocere gli gnudi fino a che non vengono a galla, quindi continuate la cottura per altri 30 - 40 secondi.
  7. Prelevateli con la schiumarola e adagiataeli su in vassoio.
  8. In una padella capiente scaldate l'olio con un bel cuiffo di salvia e salate.
  9. A questo punto versate gli gnudi nella padella e fateli saltare uno o due minuti per insaporirli.
  10. Serviteli con un abbondante grattata di parmigiano.

 

 

ricette toscane, primi piatti verdure, vegetariano

Nota: Nella ricetta io ho proposto la stessa quantità di ricotta e spinaci, ma non c’è bisogno di essere così fiscali, le uniche due accortezze che dovete avere sono quelle di strizzare molto molto bene gli spinaci e di accertarvi che siano ben cotti prima di saltarli in padella.

ricette spinaci, ricette ricotta, pasta fatta in casa,

Intanto vi lascio assaggiare la versione semplice con olio e salvia, ma  non andate via pechè presto arrivaranno anche quelli gratinati.

Buona settiamana a a tutti!

Emanuela

 

Primi Piatti/ Zuppe e Minestre

Vellutata di cavolo viola yogurt greco e arachidi

vellutata, minestre, verdura, cavolo viola

Quando trovo un ingrediente con un bel colore non vedo l’ora di provarlo.

A differenza di mio marito che quando vede strane cose nel piatto è subito diffidente io me ne innamoro all’istante.

E così è stato con il cavolo viola, questa bellissima verdura dal colore caldo e intenso, amo preparare ricette con questo ingrediente  e se volete qui, potete trovare anche lo sformato ,i il risotto e la panzanella di primavera, ma la vellutata non l’avevo ancora provata, così alla prima occasione ho deciso di rimediare.

Vellutata cavolo viola-2

 

Vellutata di cavolo viola yogurt greco e arachidi
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
Persone: 4
 
Ingredienti
  • 1 cespo di cavolo cappuccio viola
  • 2 papate medie
  • 1 scalogno
  • olio extravetgine di oliva q.b.
  • sale q,b.
  • 200 g di yogurt greco
  • 50 g di arachidi tostate
  • pepe nero q.b.
Preparazione
  1. Tagliate finemente lo scalogno e fatelo soffriggere in padella con due o tre cucchiai di olio.
  2. Aggiungete le patate tagliate e pezzetti e il cavolo tagliato sottile.
  3. Salate coprite con acqua a filo e lasciate cuocere per almeno 30 minuti.
  4. Quando le verdure saranno ben cotte frullatele con il minipimer, eventualmente aggiustate di sale.
  5. Versate la vellutata nei piatti da portat, aggiungete uno o due cucchiai di yogurt, le aarachidi sbriciolate eun giro di olio a crudo.
  6. Spolveate con pepe nero e servite.

 

ricette veloci, ricette homemade,

Ovviamente tutti conoscete le straordinario qualità nutrivive del cavolo vero?

Ricco di fibre, ricco di ferro, potente antitumorale, ricco di calcio, acerrimo nemico dei radicali liberi, ed in più povero di calorie e un ottimo spengni fame, insomma avete ancora bisogno di essere convinti a provare questa ricetta?

ricette, facili, primi piatti, zuppa verdure,

 

Primi Piatti/ Zuppe e Minestre

Panada Bresciana

cucina tradizionale, minestra di pane, panada,

Capitano giorni in cui ti rendi conto che la tua conoscenza dell’inglese è veramente scarsa, e che quello che hai studiato a scuola si è magicamente volatilizzato dalla tua mente, così decido di  naviganre in internet alla ricerca della bacchetta magica che mi faccia imparare l’inglese in un batter d’ali, quando mi imbatto in un link che propone corsi inglese Brescia, ma a quel punto la mia mente ha preso tutta un’altra direzione … ma a Brescia che cucina hanno?
Come potete immaginare la mia ricerca successiva è stata “piatti tipici Brescia”!!!
Ne ho visti di bellissimi, ma quella che potevo realizzare il più velocemente possibile era la panada.
Una minestra di pane veloce e buonissima, una ricetta povera, della tradizione, a base di pane raffermo parmigiano e del favoloso profumo dell’alloro.

panada, zuppe, pane

Panada Bresciana
Cuisine: Tradizionale
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
Persone: 4
 
Ingredienti
  • 200 g di pane raffermo
  • 2 foglie di alloro
  • 50 g di burro
  • 100 g di parmigiano
  • 1 l di brodo vegetale
  • Sale marino integrale q.b.
  • Olio evo q.b.
Preparazione
  1. Tagliate il pane a dadi grossolani, mettetelo in una casseruola con le due foglie di alloro salate e copritelo con il brodo vegetale.
  2. Cuocete a fuoco medio per 10-12 minuti.
  3. Togliete dal fuoco e aggiungete il burro e il parmigiano.
  4. Servite con un giro di olio e una grattata di pepe nero.

 

Panada bresciana-4

Allora via ha convinto la mia panada?

 

cucina tradizione,

CONSIGLIA Calamaro ripieno di Tabouleh alla greca